I Paesi meno sicuri al mondo in cui investire nel 2014

di Gianfilippo Verbani Commenta

Gli analisti finanziari di Standard and Poor's e di Black Rock hanno stilato la lista dei Paesi del mondo che sono caratterizzati da un basso livello di sicurezza negli investimenti in titoli di stato. Ecco quali sono.

Un un post pubblicato in precedenza abbiamo visto quali sono i Paesi del mondo che nel 2014 devono essere considerati gli stati più sicuri in cui investire, perché sono soliti emettere titoli di stato ripagati con precisione alla scadenza anche se con pochi interessi. Il rendimento, tuttavia, potrebbe essere variabile in ogni caso. 

I Paesi più sicuri al mondo in cui investire nel 2014

Gli analisti finanziari di Standard & Poor’s e di Balck Rock hanno infatti stilato la lista dei paesi del mondo più affidabili dal punto di vista del debito sovrano, che hanno minori possibilità di finire in un default dichiarando bancarotta e arrivando ad essere insolventi.

Investimenti in titoli finanziari e conti deposito a confronto

Gli stessi esperti internazionali, tuttavia, hanno stilato anche la lista dei paesi meno sicuri al mondo nel 2014, quelli in cui gli investimenti in titoli di stato collegato con il debito sovrano dimostrano ad oggi le maggiori difficoltà. Ecco quindi quali sono le nazioni inserite nella lista elaborata da S&P.

  1. Argentina
  2. Venezuela
  3. Ucraina
  4. Pakistan
  5. Grecia
  6. Cipro
  7. El Salvador
  8. Libano
  9. Iraq
  10. Egitto.

Al vertice dalla classifica mondiale dei cattivi debitori troviamo in questo periodo l’Argentina, interessata, come da cronaca internazionale, da gravi problemi di insolvenza, soprattutto se non verrà trovata una soluzione in breve tempo alla complessa vicenda dei cosiddetti tango bond, che rischiano di far piombare il paese in un nuovo default a distanza di 12 anni.

In cima alla lista, per ovvi motivi politici, si trovano anche il Venezuela e l’Ucraina, a causa della loro situazione interna e internazionale. Una new entry è costituita dall’Iraq.