Finanziamenti PMI: Cassa Depositi e Prestiti, nuovo taglio tassi

di Gianfilippo Verbani 1


Buone notizie per le piccole e medie imprese italiane che, per varie finalità, hanno bisogno di accedere al credito attraverso la stipula di finanziamenti con il canale bancario. La Cassa Depositi e Prestiti, in accordo con quanto, tra l’altro, riporta l’ABI, Associazione Bancaria Italiana, ha annunciato una nuova riduzione dei tassi di interesse da applicare agli istituti di credito; nel dettaglio, sui prestiti da erogare alle piccole e medie imprese le banche potranno ora fare provvista presso la Cassa Depositi e Prestiti con delle fasce di spread che sono state ridotte di dieci punti base.

Adesso, le due fase di spread sono posizionate a 50 ed a 70 punti base sul tasso euribor, e fanno seguito, in senso favorevole per le banche e, di riflesso, anche per le piccole e medie imprese, alla riduzione di altri quindici punti base che la Cassa Depositi e Prestiti ha messo in atto nello scorso mese di ottobre. Questi tagli agli spread, in accordo con quanto mette in evidenza l’ABI, rientrano nell’ambito della Convenzione che la Cassa Depositi e Prestiti ha stipulato con l’Associazione Bancaria Italiana sulla concessione di una provvista complessiva a favore del canale bancario che ammonta a ben otto miliardi di euro.

Il nuovo taglio dei tassi applicato dalla Cdp è legato al miglioramento delle condizioni di mercato, ed è già operativo per le prossime operazioni di finanziamento che le banche effettueranno presso la Cassa Depositi e Prestiti. Per il 2009, la Cdp, degli otto miliardi di euro complessivi, ha già messo a disposizione del sistema bancario ben tre miliardi di euro, dei quali il 70% risulta già essere coperto tra contratti di finanziamento alle PMI già stipulati, e quelli che attualmente si trovano nella fase di istruttoria. La Cassa Depositi e Prestiti, in scia ai poteri acquisiti in merito nel corso di quest’anno, può nella concessione di credito alle banche attingere dalle risorse che provengono dal risparmio postale.


Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.