Immobili, cedolare secca in scadenza il 1 dicembre

di Gianfilippo Verbani Commenta

La cedolare secca è una imposta che si paga secondo una percentuale del canone di locazione, ed è ridotta per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad abitazioni situate in comuni ad alta densità abitativa.


Se avete da poco acquistato una casa e deciso per una locazione dell’ immobile, si avvicina in questi giorni una scadenza importante per coloro che hanno scelto forme di tassazione alternative.

Importo medio e durata dei mutui richiesti ad ottobre 2014

Il prossimo primo dicembre, infatti, cade la scadenza della seconda rata della cedolare secca. La cedolare secca è una forma di tassazione alternativa dei redditi di locazione che si può scegliere in sostituzione di quella ordinaria basata sull’ Irpef, l’imposta sui redditi delle persone fisiche, e sulle sue addizionali, sul pagamento dell’ imposta di bollo e di quella di registro.

Tale metodo può essere scelto da tutti coloro che hanno deciso di affittare il proprio appartamento, a persone fisiche, indipendentemente dalla tipologia di contratto, se a canone libero o a canone concordato. I locatori che scelgono questa opzione, tuttavia, devono rinunciare a richiedere, per tutta la durata della locazione, l’ aggiornamento del canone, anche se previsto nel contratto, inclusa la possibile variazione Istat riferita all’ indice nazionale dei prezzi di consumo.

Le regole del contratto di affitto per finalità turistiche per le seconde case

La cedolare secca è una imposta che si paga secondo una percentuale del canone di locazione, ed è ridotta per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad abitazioni situate in comuni ad alta densità abitativa. Molte grandi città italiane come Genova, Milano, Napoli, Palermo e Roma sono incluse in questa lista. L’ aliquota da applicare per la cedolare secca per il triennio 2014 – 2017 è pari al 10 per cento.