Finanziamenti imprese artigiane Regione Sardegna

di Gianni Puglisi Commenta


Si sono aperti l’1 marzo scorso i termini, nella Regione Sardegna, per accedere ad uno stanziamento regionale pari a complessivi 34 milioni di euro a favore delle piccole e medie imprese artigiane operanti sul territorio sardo. I finanziamenti, in particolare, sono stati disposti dall’assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Sardegna con procedura d’accesso al Bando i cui termini sono aperti fino al 30 aprile del 2010, mentre per la cosiddetta procedura d’accesso allo sportello i termini sono aperti fino ad esaurimento dei fondi stanziati. Il relativo avviso è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione e riguarda uno stanziamento di risorse collegato alla Legge regionale numero 51 del 1993 per concedere, a valere sui programmi di investimento delle piccole e medie imprese artigiane, contributi in conto interessi e contributi in conto capitale. A fronte di investimenti iniziali, la PMI sarda operante nell’artigianato può partecipare all’accesso ai contributi a valere su un unico piano di investimenti e per un’unica unità produttiva, ragion per cui non sono ammessi più piani di investimento suddivisi in più domande di accesso alle agevolazioni.

Ad esempio, sono ammessi all’accesso ai contributi quelle attività di investimento finalizzate a creare un nuovo stabilimento produttivo, oppure ampliarne uno già esistente, oppure ancora investire per diversificare la produzione. L’istruttoria per l’accesso alla misura è a cura di Artigiancassa, sul cui sito Internet, a partire dallo scorso 1 marzo, è disponibile una pagina Web dedicata, da cui è possibile accedere attualmente dalla home page, per predisporre la domanda in via telematica.

Nel momento in cui è stata predisposta in via telematica la domanda, questa, ai fini dell’ammissione all’istruttoria, potrà essere trasmessa sempre per via telematica ad Artigiancassa, che è il soggetto attuatore. Una volta trasmessa, sia all’utente che ha inviato l’istanza, sia alla Regione, arriverà una comunicazione attestante il ricevimento della domanda di accesso ai contributi.