Bancomat: ridurne i costi per evitare rapine in tabaccheria

di Laura Commenta

Carta di credito e bancomat sono preziose alleate per chi viaggia e non solo. Piccole, comode e tascabili, ci alleggeriscono dal fastidio di riempire le tasche di banconote e monete.

Usare di più le carte di pagamento vuol dire contribuire alla maggiore efficienza e innovazione del Paese, abbattendo gli alti costi di gestione del contante ed il suo costo sociale legato agli episodi di furto e rapina

ha detto il direttore generale dell’Abi, Giuseppe Zadra.

Difatti in Italia, pagare con le carte è una prassi sempre più diffusa anche perché sono oltre 900.000 i negozi che accettano questi strumenti di pagamento per un totale di 1,3 milioni di Pos installati (+ 4%). l’uso delle carte registra un ammontare complessivo di 104 miliardi di euro e 1,2 miliardi il numero di pagamenti su Pos. In un anno, ogni carta ha effettuato in media 27 pagamenti. Più usato il bancomat: 29 volte; mentre le carte di credito, 23. Lo scontrino medio è stato di 88 euro, la carta di credito è stata usata per transazioni d’importo medio-alto (106 euro), e il bancomat per pagamenti più contenuti (73 euro).

Tuttavia a volte le commissioni da pagare quando si usa il bancomat sono realmente antieconomiche: il governo ha chiesto all’Abi di rinunciare alle commissioni bancomat sul pagamento dei bolli in tabaccheria, per evitare che l’uso di contanti invogli a rapine. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno Roberto Maroni, intervenendo al convegno ‘Sicurezza e impresa’ organizzato a Firenze da Confcommercio.

Il ministro afferma:

C’e’ un problema concreto: il pagamento dei bolli auto nelle tabaccherie viene fatto spesso in contanti e non con il bancomat, perche’ il costo della commissione praticamente annulla il piccolo aggio che i tabaccai hanno per questo servizio. E questo fa aumentare il desiderio di fare una rapina. Per questo ho incontrato il presidente dell’Abi e gli ho chiesto: visto che siete stati tanto aiutati, rinunciate alle commissioni del bancomat per le tabaccherie in questo periodo. Cosi’ si elimina un rischio rilevante di rapine.