Risparmiare sulla polizza assicurativa, l’esempio dell’Inghilterra

di Gianni Puglisi Commenta

Condividere il contratto assicurativo tra più individui che presentano lo stesso profilo permette di abbattere i costi dell’assicurazione.


Uno degli obiettivi di ogni proprietario di veicolo è quello di pagare un premio assicurativo inferiore. Ma in Italia è molto difficile riuscire in questo intento poiché le tariffe sono tra le più alte d’Europa.

Ma a questo problema potrebbe esserci una soluzione, che proviene proprio dall’Inghilterra: la polizza condivisa. E per risparmiare sui costi assicurativi, le possibilità sono poche, soprattutto è fondamentale trovare un sistema legale per farlo. A causa della crisi, infatti molti automobilisti  si sono ritrovati a non riuscire a non pagare i premi oppure a rivolgersi ad agenzie truffaldine. Adesso però, qualcosa può cambiare con una nuova proposta inglese.

Assicurazioni auto con costi in crescita per giovani e over 55

Una startup insignita del premio Wired Money, ha inventato Guevara, l’assicurazione che fa risparmiare agli automobilisti fino all’80 per cento del costo dell’assicurazione, attraverso la condivisione.

Condividere il contratto assicurativo tra più individui che presentano lo stesso profilo permette di abbattere i costi dell’assicurazione. Per accedere al pool di guidatori che condividono la stessa polizza è essenziale o essere chiamati nel gruppo da un amico o da un familiare, oppure occorre accogliere i suggerimenti di Guevara e associarsi ad automobilisti con profili simili.

Il costo delle assicurazioni è proporzionale alla classe di merito media dei componenti del gruppo per cui all’assicurato conviene sempre associarsi con gli automobilisti virtuosi. Se per il meccanismo di compensazione i fondi assicurativi non sono usati perché gli incidenti non avvengono o sono molto pochi, allora quegli stessi fondi sono usati per ridurre i costi delle polizze dell’intero gruppo.