Findomestic: prestito, come e chi può accedere

di Gianni Puglisi 2


Per ottenere un prestito Findomestic basta semplicemente inoltrare la richiesta direttamente on line, dal sito Internet della società leader nel credito al consumo; ma occorre comunque rispettare alcuni requisiti e vincoli affinché la richiesta di prestito possa essere accettata. Innanzi tutto, il richiedente deve necessariamente avere la residenza sul territorio italiano, e deve avere un’età compresa tra i diciotto ed i 75 anni; ne consegue che un minore non può contrarre un prestito, ragion per cui se il giovane deve realizzare un progetto spetterà al genitore inoltrare la richiesta di prestito per il figlio. Affinché la pratica possa essere accettata occorre inoltre che il richiedente abbia un reddito dimostrabile; la Findomestic, infatti, chiede o la busta paga, se si è lavoratori dipendenti, oppure l’ultimo modello Unico presentato se si è lavoratori autonomi.

Affinché la pratica possa essere accettata, l’importo richiesto deve essere compatibile con il proprio reddito; ad esempio, se si guadagnano 900 euro netti al mese non si può pensare di contrarre un prestito di 50.000 euro con scadenza a cinque anni, visto che la rata mensile non sarebbe compatibile con le proprie entrate. In particolare, per ottenere un prestito Findomestic i documenti da presentare sono i seguenti: ultime due busta paga, in originale, se il richiedente è un lavoratore dipendente; cedolino della pensione, in originale, se il richiedente è un pensionato; ultima dichiarazione dei redditi, in originale, se il richiedente è un lavoratore autonomo.

Inoltre, ogni richiedente è chiamato a presentare in aggiunta anche i seguenti documenti: ultima bolletta pagata del gas, della luce oppure del telefono in originale, ed una copia sia del codice fiscale, sia di un documento di riconoscimento in corso di validità. Nel momento in cui tutti i documenti sono stati presentati, Findomestic in tempi molto brevi fornirà l’esito della pratica al richiedente e, in caso di accettazione, provvederà all’erogazione dell’importo richiesto che potrà essere rimborsato o con i bollettini postali o, più comodamente, con addebito sul conto corrente bancario.


Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.