Milano: certificazione obbligatoria Cis per i vecchi condomini

di Daniele Pace Commenta


A Milano si deve fare la certificazione obbligatoria Cis per i condomini che hanno più di 50 anni. Si tratta del Certificato di idoneità statica (Cis), per i condomini costruiti prima del 1968. Arriva dunque l’obbligo, che, se non rispettato, impedità la vendita degli appartamenti.

Il Cis

Con il Cis è un certificato per attestare la sicurezza delle strutture portanti di un fabbricato. Senza il Cis, non ci può essere l’agibilità della costruzione. Si è resa necessaria l’obbligatorietà perché per quei fabbricati non esiste il certificato di collaudo statico, perché è stato obbligatorio solo a partire dal 1971. Inoltre, solo dal 1985 è stato creato il Cis, all’epoca del primo condono edilizio. Il Cis è un certificato obbligatorio quando ci sonno interventi di ristrutturazione delle strutture portanti della costruzione in questione, ed è richiesto quando si vuole usufruire del bonus per il sisma.

Oggi verrà usato anche per i vecchi fabbricati che non hanno certificazione di collaudo storico (antecedenti al 1968), ma solo per il Comune di Milano.

Il certificato è infatti un’imposizione di cui è responsabile il comune, e per il momento solo il capoluogo lombardo ha legiferato in materia.

Si tratta dell’articolo 11.6 del Regolamento Edilizio di Milano, del 26 novembre 2014, “Tutti i fabbricati, entro 50 anni dalla data di collaudo delle strutture, o in assenza di questo, dalla loro ultimazione, dovranno essere sottoposti ad una verifica dell’idoneità statica che dovrà essere certificata da un tecnico abilitato”.