La crisi russa in Crimea provoca forti oscillazioni sui mercati

di Gianfilippo Verbani Commenta

Nota negativa in questo quadro è il rendimento dei Btp a 10 anni, oggi al 3,44 per cento, che si avvicina sempre di più al minimo storico toccato nel 2005 pari al 3,29 per cento.

Tra la giornata di ieri e quella di oggi sui mercati internazionali si è assistito a dinamiche simili a quelle dei grandi momenti di crisi, che è impossibile non segnalare. Con l’acuirsi della situazione di crisi nella penisola di Crimea, tra le tensioni che da giorni oppongono l’Ucraina e la Russia, anche le borse di tutto il mondo, ieri, hanno mostrano un crollo generale che ha gettato in completo rosso tutti i listini. 

Per Mario Draghi l’Europa cammina verso la ripresa

Con il miglioramento della situazione, tuttavia, oggi, a partire da una nuova fase di distensione approvata dalla Russia, non solo gli stati coinvolti ma anche le borse hanno potuto tirare un sospiro di sollievo e provare a risalire. Tra la giornata di ieri e quella di oggi, quindi, i mercati di tutto il mondo sono stati contrassegnati da un grande rimbalzo, che ha reso palese come le tensioni internazionali influiscano negativamente sui mercati.

Il bilancio della quinta emissione dei nuovi Btp Italia

La Russia ha infatti deciso per il ritiro delle truppe dal confine preoccupata delle sanzioni minacciate da Europa e Stati Uniti, mentre in Ucraina sono arrivati oggi i delegati del Fondo Monetario Internazionale, per decidere sul programma di aiuti da concedere al paese in difficoltà che ha bisogno di 35 miliardi di dollari.

Vanno quindi al recupero i listini di Milano, di Francoforte, di Londra, Parigi e Mosca, anche se su percentuali decisamente diverse. Nota negativa in questo quadro è il rendimento dei Btp a 10 anni, oggi al 3,44 per cento, che si avvicina sempre di più al minimo storico toccato nel 2005 pari al 3,29 per cento.