Per Mario Draghi l’Europa cammina verso la ripresa

di Gianfilippo Verbani Commenta

Per il numero uno dell'Eurotower il peggior lato della crisi economica sarebbe ormai passato, gli squilibri sono in via di diminuzione e risoluzione e le nazioni europee stanno finalmente uscendo dalla recessione.


Cammina verso la ripresa economica, l’Europa, anche se in molti casi gli effetti non sono ancora grandemente avvertiti dai cittadini delle diverse nazioni. Sono queste le parole confortanti pronunciate da Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea, BCE, ieri davanti al Parlamento Europeo. 

Tassi di interesse ancora bassi per lungo tempo per la BCE

Per Mario Draghi l’Europa cammina verso la ripresa

Per il numero uno dell’Eurotower, insomma, il peggior lato della crisi economica sarebbe ormai passato, gli squilibri sono in via di diminuzione e risoluzione e le nazioni europee stanno finalmente uscendo dalla recessione. L’Europa sta quindi andando verso la direzione giusta, e, a detta del presidente, la situazione della zona euro è oggi addirittura migliore rispetto all’inizio della legislatura dell’attuale Parlamento UE.

Il costo del denaro potrebbe ancora scendere per la BCE

Sono passati 4 anni da quando la Grecia ha chiesto aiuti finanziari all’Europa e lo sforzo congiunto di tutti i paesi che compongono l’Eurozona ha permesso il superamento di un momento di difficoltà, che oggi appare ormai alle spalle, mentre l’integrità della stessa unione economica è stata al tempo stessa tutelata.

In Europa, certo, permangono alcuni problemi di grave  entità che i governi nazionali stanno cercando di risolvere, come ad esempio quello centrale della disoccupazione, che ancora fa soffrire molti cittadini.

Il presidente della Banca Centrale Europea ha quindi invitato i governi nazionali a correggere gli squilibri ancora presenti nelle diverse nazioni mentre si lavora per il consolidamento delle misure della competitività e della crescita. Si può essere però soddisfatti del lavoro compiuto dai paesi ancora sotto programma.