Debiti e ferie: 72 milioni di prestiti da gennaio

di Daniele Pace Commenta


Gli italiani non rinunciano alle ferie e sono disposti ad indebitarsi pur di andarci, dopo un anno di lavoro, spesso pesante, e poco guadagno.

Ad analizzare la situazione due siti specializzati, Facile.it e Prestiti.it, che hanno pubblicato i dati relativi ai finanziamenti per le vacanze.

I dati

Dal 1° gennaio a fine maggio, il periodo preso in esame, gli italiani hanno chiesto in prestito 72 milioni di euro, per andare in vacanza. Si tratta del 30% in più dello stesso arco di tempo del 2018, con ben 95mila domande.

La fascia di età che più ha fatto richiesta è quella degli under 30, che hanno superato il 30% delle domande con prestiti medi attorno ai 5.300 euro. Scendono quelli che richiedono prestiti “pesanti”, superiori ai 10mila euro. Se nei primi cinque mesi de 2018 erano il 22%, ora sono il 17%. Le maggiori richieste sono sempre per i piccoli importi, e aumentano quelle tra i 2mila e i 5mila euro. Se nel periodo preso in considerazione del 2018 erano il 60%, ora si tratta del 70%.
Gli uomini sono i più disposti verso i finanziamenti per le vacanze, con il 76% delle richieste, che fanno parte del campione che guadagna mediamente 1.750 euro. Le donne invece, dichiarano un reddito medio di 1.361 euro.
Il 61% dei richiedenti è un dipendente e solo il 10% un autonomo. Scendono gli importi erogati ma crescono le rate, da 45 a 51.