Come difendere il proprio conto corrente dal pericolo di truffe

di Gianni Puglisi Commenta


 Bancomat, carte di credito, conti correnti online. Tutti strumenti finanziari oggi di grande utilità, che fanno risparmiare un sacco di tempo nella gestione delle proprie necessità quotidiane. A questi prodotti, tuttavia, è sempre legata una piccola percentuale di rischio, che può aumentare nel caso in cui i titolari non mantengano il giusto livello di attenzione nel loro utilizzo. 

>  I diritti dei clienti durante il rapporto contrattuale di conto corrente

Ecco quindi alcuni consigli da seguire per  evitare di incappare in truffe e raggiri nella gestione dei propri prodotti bancari, in particolare i conti correnti. 

I diritti del cliente al momento di aprire un conto corrente

Come difendere il proprio conto corrente dal pericolo di truffe

Quando si decide di aprire un conto corrente è possibile scegliere tra un conto corrente tradizionale e un conto corrente online.

Se si ha un conto corrente online e si decide di operare tramite internet, è necessario però fare attenzione alle possibili truffe. Il sistema più diffuso su internet per raggirare i clienti delle banche è il phishing e consiste nell’ottenere con mezzi subdoli i dati riservati dei clienti.

In genere il cliente riceve messaggi email apparentemente credibili che richiedono, per esempio, dati come il proprio nome e cognome, l’identificativo, la  password di accesso al conto corrente, o ancora il numero della carta di credito e della carta d’identità, oppure l’invito a cliccare sul link contenuto del messaggio.

Non è sempre facile distinguere questi messaggi ingannevoli, perché si presentano con nomi e marchi di istituzioni affidabili e importanti. Nel dubbio è opportuno ricordare, però, che le banche non chiedono mai via email dati personali ai propri clienti.