Che cosa sono e come funzionano gli sportelli automatici

di Gianni Puglisi Commenta

Gli sportelli automatici permettono ai clienti di evitare le file allo sportello e di compilare ogni tipo di modulo, quindi contribuiscono a semplificare le operazioni bancarie.


 Fanno da tempo parte della nostra vita quotidiana e ormai pensare le nostre operazioni finanziarie quotidiane senza di essi diventa piuttosto difficile. Stiamo parlando degli sportelli automatici o atm, i cosiddetti bancomat, che ci permettono di compiere operazioni di prelievo durante tutte le ore del giorno, sia durante i giorni lavorativi che durante quelli feriali, 24 ore su 24, sette giorni su sette.

Come risparmiare su prelievi e pagamenti bancomat in Europa

Gli sportelli automatici permettono ai clienti di evitare le file allo sportello e di compilare ogni tipo di modulo, quindi contribuiscono a semplificare le operazioni bancarie. Sono attivi anche per le operazioni impreviste e per quelle immediate, quando ad esempio le filiali sono chiuse. Queste apparecchiature sono infatti in grado di funzionare da sole, in maniera automatica e per questo sono denominate con la sigla atm, acronimo per automated teller machines oppure ats cioè automated teller services.

Come risparmiare sui prelievi bancomat in Italia

Per utilizzare questo comodo servizio è necessario aver sottoscritto però un contratto con la banca e essere dotati di una tessera magnetica plastificata detta badge che contiene i dati crittografici utili per l’ identificazione del cliente e dei dati del suo conto corrente. Ogni titolare di questa tessera dispone di un codice numerico detto PIN il quale deve essere ogni volta digitato sulla tastiera dello sportello automatico per compiere le diverse operazioni.

Si tratta di un codice segreto, che garantisce la riservatezza dei dati e che deve essere conservato con cura dal titolare per non avere problemi sul conto.