Carte di credito – Il loro uso in Italia è molto sicuro

di Gianfilippo Verbani Commenta

Nel 2013 il tasso di frodi sui pagamenti effettuati con il denaro elettronico in Italia è aumentato leggermente dallo 0,017 per cento allo 0,019 per cento, ma il suo valore resta sempre uno dei più bassi in Europa.


Nonostante a partire dallo scorso 30 giugno 2014 sia obbligatoria in Italia l’accettazione dei pagamenti di importo superiore ai 30 euro effettuati con le carte di credito e i bancomat, l’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici nel nostro paese ancora non è così diffuso. Almeno a confronto con altre nazioni del mondo come il Regno Unito, l’Australia o la Francia in cui è possibile pagare senza contanti anche il giornale o il caffè. 

I Mondiali di Calcio 2014 incentivano l’uso delle carte di credito

Eppure l’Italia secondo le ultime statistiche risulta uno dei paesi più sicuri al mondo in merito all’utilizzo delle carte di credito. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha infatti rilevato che per il 2013 il tasso di frodi sui pagamenti effettuati con il denaro elettronico in Italia è aumentato leggermente dallo 0,017 per cento allo 0,019 per cento, ma il suo valore resta sempre uno dei più bassi in Europa.

Bancomat e carte di credito saranno accettate da tutti i professionisti

Per comprendere a pieno questi dati basta pensare che in Inghilterra lo stesso valore misura lo 0,074 per cento, in Francia lo 0,069 per cento e in Australia lo 0,048 per cento. E mentre nel resto d’Europa sembra essere in aumento anche la frequenza delle transazioni non riconosciute, in Italia l’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici, come bancomat, carte di credito e carte prepagate resta molto sicuro, anche se i connazionali sembrano preferire pur sempre i contanti. Il valore delle transazioni non riconosciute in Italia nel 2013 è stato pari solo al 65 milioni di euro contro i 55 milioni di euro di valore registrati nell’anno precedente.