Google si inserisce nella vendita di assicurazioni auto

di Sofia Martini Commenta

Negli Stati Uniti il colosso Google ha ricevuto l'autorizzazione per vendere assicurazioni auto in 26 stati. E ora è pronto per sbarcare in Europa.

google adsense genius cardGoogle, il grande colosso del web, sbarca nel settore della assicurazioni auto. Tutto è pronto perché il grande gigante di Mountain View faccia la sua parte anche nel mondo dell’RC auto. Per ora le novità riguardano gli Stati Uniti, dove il colosso ha ricevuto l’autorizzazione per vendere polizze auto in 26 stati. Il sito predisposto darà luogo al Google compare auto insurance services, un comparatore di prezzi molto evoluto con cui Big G venderà prodotti assicurativi per conto dei 6 diverse compagnie. 

Nuove regole per i comparatori di assicurazioni emanate dall’IVASS

Ma non è tutto. Secondo il California Department of insurance, l’agenzia preposta a supervisionare la regolamentazione del settore assicurativo, Google sarebbe impegnato anche su altri siti e portali per realizzare questo business, tra cui

  • www.coverhound.com
  • www.comparenow.com.

Per ora i vertici della multinazionale non hanno voluto commentare queste notizie, ma secondo altre fonti sono disponibili alla risonanza che i media stanno dando all’evento e sembrano impegnati a lavorare al progetto da oltre due anni.

Assicurazioni, migliorano le tariffe al sud

Così, forse, in un futuro non molto lontano, anche gli italiani potranno servirsi dei servizi di Google per stipulare la loro assicurazione auto. Ma le autorità europee di certo non lasceranno campo libero al colosso tecnologico a meno di una ferrea regolamentazione, come anche le compagnie assicurative tradizionali non condivideranno facilmente le loro preziose informazioni con un possibile competitor del futuro.

E’ vero tuttavia che nel Regno Unito questo processo sembra già a buon punto e la concorrenza di Google dare filo da torcere agli altri player di mercato. Ma la vendita delle polizze online risulterà avere sempre una marcia in più rispetto a quella delle tradizionali.