App Ufficio Postale e App Banco Posta, come funzionano?

di Sofia Martini Commenta

App Ufficio Postale e App Banco Posta, come funzionano? Una panoramica sui servizi in mobilità per tutti e per i clienti di Poste Italiane

Gli italiani amano le nuove tecnologie anche quando queste sono associate all’home banking: le paure collegate all’uso telematico dei servizi bancari sembrano svanite e si apre la strada alle app di turno. Come funzionano quelle di Poste Italiane. Una presentazione. 

Ogni volta che un istituto di credito si affaccia nel mondo del mobile banking ci si chiede se questo passaggio sia stato davvero necessario o voluto dagli utenti. App Ufficio Postale e App Banco Posta sono arrivate di recente e sono già disponibili su Google Play e Apple Store: consentono di effettuare in modo semplice numerose operazioni postali e finanziarie da smartphone e tablet.

Risparmio postale, una proposta per investimento

La presentazione più esaustiva di questi prodotti è stata fatta da SoS Tariffe che dell’app Ufficio Postale dice:

Disponibile per tutti i cittadini, anche se non hanno un conto corrente BancoPosta o una carta postepay. E’ utile per chiunque utilizza i servizi degli Uffici Postali, come invio corrispondenza e pagamento dei bollettini.

“E’ un nuovo contributo di Poste Italiane allo sviluppo inclusivo con l’ampliamento della platea di cittadini che potranno eseguire alcune delle principali operazioni, disponibili in un ufficio postale utilizzando un’unica applicazione digitale semplice, sicura e alla portata di tutti”, si legge nel comunicato stampa delle Poste.

Quinto BancoPosta, i requisiti per l’accesso

L’App Bancoposta ha delle caratteristiche diverse:

Pensata invece per i servizi finanziari, l’App BancoPosta consente ai clienti delle Poste di gestire il Conto BancoPosta e le carte prepagate Postepay. L’app consente l’accesso al saldo e movimenti, il pagamento dei bollettini anche solo inquadrando il QR code con la fotocamera del telefono, così come disporre di trasferimenti di denaro tramite bonifico o utilizzando il servizio Moneygram.

Sarà possibile anche ricaricare la Postepay o le SIM di tutti i cellulari, a prescindere dell’operatore telefonico, nonché accedere a molti servizi innovativi come il pagamento NFC, il tutto gestito attraverso il sistema di sicurezza PosteID.