Ricatto da 10 mila euro per una banca svizzera

di Gianfilippo Verbani Commenta

A quanto pare la Banque Cantonale de Genève è stata scelta come bersaglio a causa della debolezza dei suoi sistemi informatici. I conti dei clienti non hanno subito altre violazioni.

Non solo le piattaforme e gli intermediari della moneta virtuale Bitcoin sono spesso vitte di attacchi informatici. A volte gli hacker del mondo della finanza attaccano anche realtà più tradizionali come le banche svizzere. Una importante banca elvetica, infatti, la Banque Cantonale de Genève è stata di recente vittima di un attacco informatico da parte di una banda di hacker che si era in un primo momento fatta viva attraverso delle minacce. 

La Svizzera propone l’abolizione del segreto bancario anche per i residenti

I pirati informatici avevano infatti dato l’ultimatum ai gestori della banca, dicendo che se entro una certa giornata non avessero avuto una somma di 10 mila euro avrebbero messo online i dati dei clienti dell’istituto di credito. I criminali informatici si riconoscono sotto la sigla Rex Mundi e in passato hanno già messo a segno una serie di colpi informatici, a danno di realtà bancarie e commerciali.

La Svizzera blocca i prelievi sui conti correnti degli stranieri

Ma la banca svizzera non si è voluta piegare al ricatto e così, scaduto il termine per la consegna, qualche giorno fa, le email, i numeri di telefono e persino gli estratti conto di 30 mila clienti sono diventati di dominio pubblico.

A quanto pare la Banque Cantonale de Genève è stata scelta come bersaglio a causa della debolezza dei suoi sistemi informatici. I conti dei clienti non hanno subito altre violazioni se non quelle relative alla privacy questa volta, ma per alcune posizioni, in bilico con il fisco e le amministrazioni locali, già questo potrebbe essere stato un grave danno. Per non parlare dell’immagine della banca.