Ordini record per i nuovi Btp Italia e chiusura anticipata del collocamento

di Gianfilippo Verbani Commenta

Sono passate solo poco più di 24 ore dall’apertura ufficiale del collocamento dei nuovi Btp Italia, ma gli innovativi titoli indicizzati all’inflazione hanno fatto già segnare cifre da record.

Il Tesoro comunica il rendimento minimo dei nuovi Btp Italia

La quinta emissione dei titoli era stata ufficialmente aperta ieri mattina, 5 Novembre, ma ad oggi il Tesoro ha già ricevuto ordini per un totale di 20 miliardi di euro, di cui 16,8 miliardi solo nella giornata di ieri. Per questo motivo il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta già valutando la possibilità di una chiusura anticipata del collocamento, che potrebbe essere fissata per oggi, 6 Novembre, alle ore 14, secondo le previsioni dei mercati.

Le caratteristiche dei nuovi Btp Italia

I nuovi titoli indicizzati all’inflazione, dunque, hanno trovato in piccoli e grandi risparmiatori un accoglimento migliore anche di quello riservato loro nel corso della precedente emissione, la quarta, avutasi nei mesi scorsi.

Sembra inoltre possibile, secondo quanto riportato dagli analisti, che il Tesoro confermi per i Btp Italia il rendimento comunicato in fase di apertura, così che la cedola definitiva, a chiusura del collocamento, dovrebbe avere un rendimento annuo garantito pari al 2,15%. 

In merito al rendimento, però, gli analisti di settore fanno notare che il rendimento minimo garantito annunciato dal Tesoro per questa emissione è stato anche leggermente più basso di quello proposto nei collocamenti precedenti, fatto che dimostra ancora più eccezionale la buona accoglienza riservata al titolo.

E’ necessario, infine, prendere in considerazione anche il fatto che il Ministero aveva posto come limite massimo per ogni singolo ordine un tetto da 500 mila euro.