Che cosa sono le partite remunerate in conto corrente

di Gianfilippo Verbani Commenta

Su alcuni tipi di conti correnti correnti è oggi possibile attivare le cosiddette partite remunerate. Ecco di che cosa si tratta.


Conti correnti e conti deposito sono prodotti bancari utilizzabili non solo per mettere al sicuro i propri risparmi ma anche per far rendere i propri averi percependo un interesse di remunerazione sulle somme depositate. Come abbiamo visto anche in passato, tuttavia, gli interessi generati da un conto corrente sono in genere inferiori rispetto a quelli che si possono invece ottenere attraverso l’apertura di un conto deposito. 

La capitalizzazione degli interessi nei conti deposito

Per tutti i clienti che desiderano invece accedere ad uno strumento di investimento semplice e immediato direttamente dal proprio conto corrente, senza dover individuare e aprire un conto deposito a parte, alcune tipologie di conto corrente propongono oggi la modalità delle partire remunerate all’interno del conto corrente stesso.

La capitalizzazione degli interessi nei conti correnti

Ma di che cosa si tratta? In che cosa consistono le partire remunerate e come funzionano?

Che cosa sono le partite remunerate in conto corrente

Le partite remunerate in conto corrente consistono in particolari opzioni di vincolo che è possibile attivare sui conti correnti, in modo tale da ricevere, sulle somme messe da parte, un interesse di remunerazione più alto rispetto a quello che viene di norma concesso sulla liquidità residua del conto.

Per le partite remunerate in conto corrente viene quindi stabilito un interesse di remunerazione – un tasso creditore annuo nominale lordo, che viene accredito allo scadere della durata – e una specifica durata calcolata in mesi. A volte le partite remunerate possono riguardare solo la nuova liquidità e non quella già giacente all’interno del conto stesso. Possono poi essere indicati importi minimi e massimi per ogni singola partita.