Banca Popolare di Bari: Tribunale sospende sanzioni Consob

di Redazione Commenta

Banca Popolare di Bari: Tribunale sospende sanzioni Consob

Le sanzioni comminate alla Banca Popolare di Bari dalla Consob, sono state sospese dalla Corte d’Appello di Bari.

I provvedimenti sanzionatori erano stati approvati a metà settembre, quando la Consob aveva deliberato in merito a presunte violazioni riscontrate nei periodi tra il 2014-16 presso la Popolare di Bari.

La Banca ha contestato le due delibere, in quanto ha ritenuto le sanzioni “non rispondenti ai comportamenti mantenuti nel tempo”, e oltre a produrre alla Consob proprie memorie difensive, ha fatto valere le “proprie ragioni nelle sedi competenti”.

Ieri è arrivata la notizia che la Corte d’Appello di Bari “ha disposto la sospensiva del provvedimento” con il quale Consob, nei giorni scorsi, ha multato i vertici della Popolare di Bari e l’istituto stesso, in qualità di responsabile amministrativo, per un totale di 1,95 milioni di euro.

La Corte d’Appello ha così accolto, inaudita altra parte, l’impugnazione dell’istituto. Nelle prossime settimane il procedimento andrà avanti con la comparizione delle parti.

La Popolare di Bari ha inviato un lungo elenco di precisazioni alla Consob e tra le puntualizzazioni c’è anche l’inesistenza dei “finanziamenti baciati”, che viene confermato – come evidenzia la Popolare di Bari – “anche dalle risultanze delle approfondite verifiche effettuate nell’ispezione della Banca d’Italia”.

“La decisione della Consob – precisa la Banca Popolare di Bari – appare non fondata nel merito e riguarda in massima parte aspetti procedurali già oggetto di precedenti, approfondite ispezioni, in particolare quella avvenuta nel 2013”.

Le sanzioni della Consob in parte riguardano gli aumenti di capitale del 2014 e 2015. Proprio su questa tematica la Popolare di Bari precisa che “sono stati messi a punto a seguito di un costante confronto e interlocuzione con le Autorità di Vigilanza e condotti assumendo tutti i presidi previsti dalla normativa di riferimento, nella necessaria salvaguardia dei diritti di opzione riconosciuti dal codice civile”.

“Abbiamo operato correttamente – è il commento che arriva dalla Popolare di Bari – anche in relazione alla predisposizione dei prospetti informativi, la cui pubblicazione è stata autorizzata dall’Autorità a seguito di una fitta interlocuzione, come è normale peraltro, sui contenuti”.

I provvedimenti della Consob sono stati quindi sospesi dalla Corte d’Appello e il procedimento andrà avanti con la comparizione delle parti.