Aumentano le surroghe e le sostituzioni di mutuo nel 2014

di Gianni Puglisi Commenta

I mutui più richiesti in assoluto, tuttavia, in oltre il 63 per cento dei casi, sono ancora i mutui per l'acquisto della prima casa. Aumentano in generale anche le richieste di mutui loan to value mentre si riducono gli importi medi.


Nel corso dei primi mesi del 2014 il mercato italiano dei mutui ha fatto registrare in generale un calo dei tassi di interesse, che coinvolto le principali durate e tutte le tipologie di mutuo. Questa tendenza è ancora in atto e viene ulteriormente supportata dalle decisioni delle banche centrali, come la BCE, che hanno deciso di tagliare ulteriormente il costo del denaro. 

Tassi di interesse dei mutui in diminuzione nel mese di maggio 2014

Ci sono però anche altri elementi che stanno caratterizzando l’andamento del mercato dei mutui nel primo semestre del 2014, direttamente collegati ai fenomeni che abbiamo appena descritto. Si tratta ad esempio dell’aumento delle erogazioni delle surroghe e delle sostituzioni di mutuo, due possibilità sempre a disposizione dei clienti per migliorare le proprie condizioni di contratto nei finanziamenti ipotecari.

Surroga del mutuo più conveniente grazie al calo degli spread

Le surroghe e le sostituzioni di mutuo sono infatti arrivate a toccare il doppio rispetto ai valori dello scorso anno – 5,1 per cento nel primo semestre 2013 contro il 10,1 per cento del primo semestre 2014. Crescono inoltre nello stesso periodo anche le erogazioni per i mutui a tasso variabile con cap, che offrono i vantaggi del mercato senza l’esposizione agli stessi rischi, passati dal 7,6 per cento all’8,8 per cento.

I mutui più richiesti in assoluto, tuttavia, in oltre il 63 per cento dei casi, sono ancora i mutui per l’acquisto della prima casa. Aumentano in generale anche le richieste di mutui loan to value per il finanziamento del 70 o 80 per cento del valore degli immobili, che raggiungono il 35,9 per cento.