Finanziamenti agevolati a disposizione delle fasce deboli

di Laura 3

E’ stato raggiunto un accordo tra Unioncamere e il comitato nazionale del microcredito, per aiutare le fasce più deboli ad accedere a finanziamenti agevolati per la creazione di un’attività economica. L’accordo prevede la creazione di un fondo di garanzia di 10 milioni di euro, e ogni richiedente potrà ottenere circa 25 mila euro in prestito. L’accordo in atto tra unioncamere e il presidente del comitato nazionale del microcredito Baccini, é volto ad aiutare le fasce più deboli di cittadini italiani e stranieri (con regolare permesso di soggiorno) per poter produrre reddito necessario al loro sostentamento e cercare di produrre nello stesso tempo dei nuovi posti di lavoro.

Il presidente sottolinea che i finanziamenti agevolati saranno destinati anche alle piccole imprese che sono sopravvissute alla crisi, ma che adesso hanno bisogno di una spinta per riprendere il volo e tornare a produrre reddito. D’altra parte la mission del memorandum d’intesa prevede anche la creazione di nuovi posti di lavoro, sostegno alla creazione di microimprese e il miglioramento di capacità operative autonome.

Bisogna aiutare le fasce deboli – ha sottolineato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, presente a Palazzo Chigi durante la firma dell’accordo quadro – anche perchè verso alcune sacche di povertà bisogna rivolgersi con una umanità con la quale le grandi banche difficilmente si rivolgono.

Auspichiamo una ripresa economica necessaria non solo per il riequilibrio dell’imprenditoria – ha concluso Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere – ma anche delle famiglie e dei singoli lavoratori che in questi anni hanno perso il lavoro sono alla ricerca di un’occasione per avviare un’attività in proprio e la disponibilità di un finanziamento, anche di piccola entità, può essere spesso determinante per il successo di questi che sono progetti di vita, su cui si gioca il futuro di tante famiglie.

Infine l’accordo prevede degli incontri semestrali realizzati dal gruppo consultivo che è stato appositamente istituito, formato da due rappresentati dell’Unioncamere e due del Cnm (Comitato Nazionale per il Microcredito) che si riunirà almeno una volta per analizzare l’andamento del progetto.

Commenti (3)

  1. sono da poco in separazione e ho presso una casa in affitto,ho un stipendio di 540 euro mensili vorrei fare un prestito agevolato per un importo di 6000 euro,vorrei sapere quale e la rata che devo pagare per un periodo di 5 anni

  2. avrei bisogno di 10000 euro per nuova attivita.tel 3393246164 urgente

I commenti sono disabilitati.