Vuoi andare negli Stati Uniti? Meglio fare l’assicurazione

di Daniele Pace Commenta

Qualunque sia la vostra scelta, ricordate che un’assicurazione, in un paese come gli Stati Uniti, è caldamente raccomandata, soprattutto se rapportata ai prezzi delle polizze.

Gli Stati Uniti sono una metà delle vacanze molto ambita, ma sono anche famosi per il loro stato sociale inesistente. In Europa siamo abituati ad avere assistenza medica ovunque andiamo, ma negli Usa non è così. Se ci si sente male, si rischia di pagare una tombola per il pronto soccorso o una visita medica, e tutti gli americani cercano di assicurarsi per le spese mediche.

Anche chi viaggia, sia per lavoro che per vacanza, è meglio dunque premunirsi, per rischiare sorprese. Tra l’altro, le assicurazioni per i viaggi negli Stati Uniti sono tra le più convenienti, proprio perché molto richieste, anche perché l’ingresso nel paese è regolato da richieste assicurative molto strette.

Quale polizza fare

Sono molte le assicurazioni pronte a stipularvi una polizza per andare negli Stati Uniti. La prima è Allianz, che offre la sua Travel Care dedicata anche ad altri paesi. Con questa polizza avrete l’assistenza sanitaria full-time, con l’assistenza telefonica dedicata, e un massimale illimitato. Sono coperte tutte le spese sanitarie, e quindi non dovrete preoccuparvi di nulla.

Altra assicurazione da tenere in considerazione è la Ergo, che offre la polizza Tutto Incluso Viaggi, valida anche negli altri paesi. La polizza è personalizzabile, e il massimale per le spese sanitarie è fissato a 2,5 milioni.C’è anche l’opzione con i rimborsi per gli infortuni, il ritardo dell’aereo e altre opzioni a richiesta.

Anche Axa Assistance è una buona assicurazione per i viaggi negli Stati Uniti, e per stare tranquilli, con una polizza conveniente, a soli 41 euro, chiamata Schermo Totale. Il nome fa intuire subito i vantaggi della polizza, che copre moltissime necessità.

C’è l’assistenza e la copertura 24 ore sulle spese mediche, anche tutto l’anno, e un massimale fissato a 3 milioni.

Tra le coperture anche il pacchetto per il viaggio, con i rimborsi per l’annullamento, il ritardo, il bagaglio perso e altre opzioni. Inoltre, c’è il vantaggio, non trascurabile, che l’assicurazione ha il pagamento diretto anche se siete negli Stati Uniti, e questo vi permette di non trovarvi in difficoltà.

Qualunque sia la vostra scelta, ricordate che un’assicurazione, in un paese come gli Stati Uniti, è caldamente raccomandata, soprattutto se rapportata ai prezzi delle polizze.