Tabella unica per i risarcimenti, ci stanno lavorando

di Gianni Puglisi Commenta

Tabella unica per i risarcimenti, ci stanno lavorando le associazioni dei consumatori e l'ANIA d'accordo su questi punti.


L’introduzione, già nel prossimo Ddl Concorrenza, di una tabella unica nazionale dei risarcimenti. È questa la proposta che l’ANIA fa in collaborazione con i consumatori che adesso vogliono portare avanti una battaglia legate ai risarcimenti dopo gli incidenti stradali. 

In un incontro tra i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e le imprese assicurative che insieme siedono al tavolo del Consiglio Generale dei Forum ANIA-Consumatori, ci si è messi d’accordo sulla famosa tabella unica nazionale dei risarcimenti.

RCA, cambiando si risparmia. Cosa c’è da da sapere

In particolare i componenti del Forum si sono confrontati su alcuni aspetti del DDL legati al settore assicurativo e si sono soffermati soprattutto sull’articolo 7 del disegno di legge che parla di danno non patrimoniale uniformando a livello nazionale la valutazione economica del danno alla persona.

Esiste anche un impatto economico di questa nuova norma dedicata ai premi assicurativi. Le tabelle tanto agognate non faranno che quantificare il danno biologico compreso in una scala da 10 a 100 punti di invalidità. La definizione è rimessa ad un decreto del Presidente della Repubblica.

Facile.it riporta una nota a margine dell’evento:

Il vice-presidente del Forum ANIA-Consumatori, Pietro Giordano, ha dichiarato che a questo punto è fondamentale che l’iter normativo si concretizzi raggiungendo l’obiettivo di una tabella unica nazionale, dando così chiarezza e trasparenza nelle regole ed eliminando le ingiuste differenziazioni di trattamento applicate dai diversi tribunali relativamente ai risarcimenti di chi è colpito direttamente o indirettamente da traumi così gravi. Senza dimenticare che l’attuale sistema determina costanti aumenti dei costi che si scaricano poi sui prezzi delle coperture delle assicurazioni auto.