Si riduce la durata media dei prestiti tra il 2010 e il 2013

di Gianfilippo Verbani Commenta

La crisi economica in atto da alcuni anni a questa parte ha apportato alcuni cambiamenti sostanziali all’interno del mercato italiano dei prestiti. Negli ultimi tempi, infatti, non sono solo diminuite di numero le erogazioni totali, a causa della crisi di liquidità che il sistema bancario sta attraversando, ma sono anche cambiate le richieste inoltrate dai clienti. 

Le migliori offerte di prestiti di Novembre 2013

Per quanto riguarda prestiti e finanziamenti, dunque, negli ultimi tre anni sono diminuiti di media non solo gli importi erogati, in concomitanza con la riduzione del reddito a disposizione di famiglie e imprese, ma anche la loro durata media, che si è fatta più breve del passato.

Come ottenere un mutuo per la ristrutturazione di un immobile

Sulla base dei dati statistici raccolti dall’Osservatorio di PrestitiOnline, dunque, tra il 2010 e il 2013, sono di gran lunga aumentati i prestiti richiesti per effettuare lavori di ristrutturazione e per far fronte a spese di arredamento, grazie anche alle agevolazioni fiscali concesse negli ultimi anni, ma le loro caratteristiche interne sono cambiate.

I prestiti per ristrutturazione a 120 mesi nel 2010 rappresentavano il 30,6% del totale, mentre nei primi 10 mesi del 2013, cioè fino ad ottobre sono stati pari al 18,25%. Per quanto riguarda i prestiti finalizzati all’arredamento, la durata di 120 mesi è scomparsa dalle statistiche più recenti, anche se nel 2010 rappresentava quasi il 12% del totale.

Oggi il prestito più richiesto arriva a 48 mesi, dunque 4 anni, sia per i lavori di ristrutturazione che per le spese di arredamento, segno che a livello finanziario – e non solo – si è praticamente smesso di pensare a lungo termine.