Prestito per abolire le barriere architettoniche

di Gianfilippo Verbani 1

Oggi parliamo del Progetto No Barriere, un finanziamento che – grazie all’applicazione di un tasso scontato rispetto agli standard vigenti nel mercato – permette di acquistare attrezzature e strumentazioni in grado di abolire gli handicap delle barriere architettoniche.

Obiettivo principale di questo prestito è quello di migliorare e adattare gli spazi nei quali il portatore di handicap vive o lavora, abolendo quegli ostacoli in grado di limitare la sua mobilità.

Stando a quanto sostengono gli istituti di credito eroganti, l’intervento finanziario deve essere complementare a quanto è previsto gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale e dalle Leggi Regionali in materia.

Tra i principali interventi finanziabili ricordiamo le pedane meccaniche per accesso a autovetture, i servoscala, gli interventi di ristrutturazione, ecc.

Gli importi finanziabili possono oscillare tra i 1.000 e i 25.000 euro, per una durata del piano di rimborso compreso tra i 6 e i 60 mesi.

Come sempre, per ottenere maggiori informazioni sulle condizioni economiche, vi rimandiamo ai fogli informativi e ai documenti di sintesi presenti nei siti internet degli istituti di credito aderenti la convenzione.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.