Mutui, i tassi in picchiata verso i minimi storici

di Daniele Pace Commenta

Quello in cui ci siamo imbattuti è indubbiamente il periodo più adatto, nonostante le difficoltà, a stipulare un mutuo. Esatto, dato che i tassi di interesse non hanno subito alcuna variazione, con il tasso di riferimento principale che è rimasto invariato allo 0,00%. Il tasso sui prestiti marginali, invece, è pari allo 0,25%, mentre il tasso sui depositi è sceso di 0,5 punti percentuali.

Mutui, i tassi sono in forte calo

Certamente la pandemia ha avuto un ruolo fortemente negativo e lo sta avendo tuttora sull’economia del Paese, abbattendosi come un vero e proprio tsunami su ogni ambito e settore della nostra società. Proprio per via di questa emergenza sanitaria, è chiaro che la Banca Centrale Europea non potrà che conservare i tassi ai livelli attuali. In tale periodo, infatti, è fondamentale cercare di introdurre il maggior quantitativo di liquidità possibile all’interno del sistema bancario, in maniera tale da poter mettere a disposizione dei cittadini sia mutui che prestiti a dei tassi particolarmente ridotti.

Per l’intero 2020, quindi, si potranno sfruttare delle offerte particolarmente vantaggiose per quanto riguarda i mutui a tasso variabile, ma anche quelli a tasso fisso. Fino a questo momento, le proposte sono decisamente convenienti, come si può notare dalle principali piattaforme che permettono di confrontare i vari tassi di mutui e prestiti.

Un’altra indagine che è stata portata a termine da parte del gruppo Tecnocasa ha messo in evidenza come, dopo aver toccato i livelli più alti nel mese di luglio del 2011, ecco che il tasso Euribor (3 mesi) ha cominciato un trend in discesa che lo ha trascinato fino ad arrivare a quota 0,19%, per poi aggirarsi intorno allo 0,20% sia per il 2013 che per l’anno successivo.

È sceso addirittura sotto lo zero percentuale a maggio 2015, mentre a metà del mese di marzo di quest’anno ha toccato di nuovo il minimo storico, pari allo -0,5%. Il tasso Euribor ha ripreso successivamente una graduale ricrescita, fino a toccare lo -0,16% durante il mese di aprile, mentre le prime rilevazioni che coinvolgono il mese di maggio hanno individuato il -0,29%. Quindi, è chiaro che, al giorno d’oggi, c’è la possibilità di individuare sul mercato dei mutui a tasso fisso davvero vantaggiosi, come ben poche altre volte si era visto negli anni addietro.