Modello 730: focus sulle detrazioni. Le spese per i figli

di Daniele Pace Commenta

I figli costano, si sa, ma fortunatamente molte spese possono essere detratte sul modello 730 per la dichiarazione dei redditi. In particolare si possono detrarre le spese della scuola e dell’apprendimento, e da quest’anno, aumentano le possibilità. Si possono detrarre le spese fatte per mandare i bimbi al nido, ma anche la mensa, lo scuolabus, fino alla palestra e alcuni corsi formativi. Conoscere bene quali sono le possibilità, potrà farvi risparmiare molto.

Alcuni suggerimenti

La prima cosa da fare è ripartire bene la spesa, ed avere tutte le ricevute per poter detrarre il 19%. Chiaramente bisogna avere i figli a carico, anche al 50% con l’altro coniuge. l’importante, in questi casi, è calcolare bene la suddivisione in modo da farsi intestare le ricevute, all’uno o all’altro, in modo proporzionato per sfruttare bene la detrazione. Nel caso non foste riusciti a fare questa suddivisione, potrete sempre indicare i dati anagrafici e fiscali dell’altro genitore con la relativa spesa per riuscire a detrarre in modo proporzionato. Nel caso che invece le ricevute siano intestate ai figli, la detrazione potrà essere fatta al solo 50%.

Per il nido potrete detrarre al massimo 632 euro per figlio. Per le spese scolastiche il tetto è di 786 euro, e poi ci sono la mensa, le gite e i corsi formativi come il teatro, i sussidi didattici, l’attività sportiva e il trasporto pubblico.