Le migliori offerte di mutuo di ottobre 2013

di Gianfilippo Verbani Commenta


Richiedere un mutuo nel mese di ottobre 2013 potrebbe garantire ai mutuatari una piccola, interessante percentuale di risparmio rispetto ai valori registrati nel mese precedente, settembre 2013. Lo rileva, infatti, MutuiOnline, società quotata in borsa e fonte autorevole nel settore dei finanziamenti ipotecari, sulla base delle sue rilevazioni mensili.

I nuovi valori dei tassi soglia per il quarto trimestre 2013 – Mutui e prestiti

Vediamo quindi in cosa consiste questo risparmio. Nel mese di ottobre 2013 gli Indicatori Sintetici di Costo – ISC –  di un mutuo sono scesi di diversi punti percentuali per tutte le durate. Andando più nello specifico, però, la situazione si mostra ancora più sfaccettata.

Da una parte sono infatti salite le spese previste per i mutui che vanno da 10 a 20 anni, mentre hanno subito un calo consistente le spese, cioè i costi, relativi ai mutui a 30 anni, che perdono uno 0,35% rispetto al mese precedente.

> Spread mutui in calo ad ottobre 2013

C’è poi un’ulteriore diversificazione per i mutui a tasso variabile. Le migliori offerte di mutuo a tasso variabile del mese di ottobre hanno perso uno 0,05% rispetto al mese precedente, ma non è stata invece rilevata nessuna variazione per i mutui a tasso variabile con durata più lunga, che arrivano fino a 40 anni.

Ancora diversa, infine, si presenta la situazione per i mutui a tasso variabile con CAP, quelli in cui viene imposto, per contratto, un limite massimo al tasso di iinteresse. Per questi mutui il mese di ottobre 2013 non porta alcuna modifica, indipendentemente dalla durata. Il CAP rimane al 6,50% ma il tasso di interesse variabile di questi mutui oscilla ora tra il  tra 3,43% e 3,63%.