Lavorare per il comune con il Baratto Amministrativo

di Daniele Pace Commenta


Il Baratto Amministrativo è lo strumento che consente di pagare il fisco con il proprio lavoro.

La paga oraria si aggira intorno agli 8 euro, ed è un modo questo sdebitarsi con lo Stato, che può aiutare a pagare l’Imu, la Tasi o la Tari.

Dettagli

Come funziona questa Baratto lo spiega nel dettagli il Dl 133/2014. I comuni dopo una delibera, possono sottoscrivere un regolamento per interventi di riqualifica del territorio da proporre alla cittadinanza. Tra i vari lavori da svolgere ci sono ad esempio la pulizia delle facciate, la manutenzione e l’abbellimento delle aree verdi, delle piazze e delle strade. È compreso inoltre anche il recupero di immobili inutilizzati.

I cittadini che si trovano a dover affrontare problemi economici, possono mettere a disposizione un tot di ore del loro tempo che verranno poi retribuite.

I requisiti previsti sono: aver fatto la richiesta la comune ed aver ottenuto il benestare ed avere tributi scaduti.

Fino ad oggi i comuni sul nostro territorio che hanno adottato il Baratto Amministrativo sono ancora pochi. Ad eccezione di Milano, solo alcuni piccoli comuni hanno aderito.

Ovviamente la legge che regola questa soluzione per il pagamento delle tasse ha dei punti fermi, e non può essere applicata a debiti pregressi e non può estendersi alle imprese.