L’andamento del mercato immobiliare nel terzo trimestre 2014

di Gianfilippo Verbani Commenta

Ecco le ultime rilevazioni risultanti dall'inchiesta trimestrale sul mercato delle abitazioni in Italia condotta di recente dalla Banca d’Italia, da Tecnoborsa e dall’Agenzia delle Entrate, attraverso il suo Osservatorio del Mercato Immobiliare.


Il mercato immobiliare italiano ha fatto registrare nel corso del terzo trimestre del 2014 risultati meno negativi di quanto ci si sarebbe aspettato. Nonostante il periodo di crisi ancora attraversato dal settore, infatti, gli operatori riportano delle situazioni leggermente più positive almeno per quanto riguarda il calo dei prezzi degli immobili in vendita. 

L’andamento del mercato immobiliare italiano negli ultimi mesi del 2014

Sono queste le ultime rilevazioni risultanti dall’inchiesta trimestrale sul mercato delle abitazioni in Italia condotta di recente dalla Banca d’Italia, da Tecnoborsa e dall’Agenzia delle Entrate (attraverso il suo Osservatorio del Mercato Immobiliare). Gli operatori del settore hanno rilevato dunque una diminuzione di quel divario tra i prezzi della domanda e quelli dell’offerta, nonostante fosse invece aspettato un ulteriore calo del valore delle case.

Continua la ripresa del mercato immobiliare e dei mutui nel 2014

Per quanto riguarda i prezzi delle abitazioni, infatti, nel terzo trimestre del 2014 quasi 1400 operatori del settore hanno rilevato una stabilità nei valori di vendita, che non hanno fatto registrare incrementi più di diminuzioni. I prezzi sono rimasti stabili soprattutto nelle grandi aree urbane e sono aumentati leggermente invece nelle aree non urbane. Anche i giudizi sulla stabilità dei prezzi sono rimasti invariati.

Nello stesso periodo sono leggermente diminuite le compravendite immobiliari, le quali tuttavia sono state più numerose rispetto a quelle registrate nel trimestre dell’anno precedente, il 2013. Per quanto riguarda invece il giudizio sui potenziali acquirenti, si è rilevato un lieve peggioramento delle condizioni, che evidenzia un minore interesse da parte dei potenziali clienti nell’acquisto di una abitazione.