Flat tax pensionati: il Governo vuole recuperare gli expats

di Daniele Pace Commenta

Il Governo ha lanciato la Flat tax pensionati, per recuperare quanti, con delle piccole pensioni, si sono trasferiti all’estero per poter vivere decentemente. Sono molti i posti dove le aliquote sono molto più basse, e attirano tanti anziani che in Italia farebbero invece una vita di stenti.

L’esodo e la Flat Tax

In questi anni c’è stato un vero e proprio esodo di pensioni minime verso paesi dove si vive con poco. Lo Stato cerca di recuperare a questo flusso con un trattamento fiscale particolare a chi si trasferisce al Sud, dall’estero. Alla Flat tax pensionati hanno infatti diritto solo i pensionati la cui pensione viene erogata all’estero, e non solo italiani. Ne hanno diritto infatti anche gli stranieri che vogliono venire a vivere nel Meridione. E la misura è già in atto, dopo la pubblicazione della circolare dell’Agenzia delle entrate, che ha così fornito tutti i dettagli per poter richiedere il regime fiscale favorevole. Attenzione però, la misura vale solo per le cittadine con meno di 20mila abitanti.
Tutti i pensionati che ne usufruiranno, pagheranno solo il 7% su tutti i redditi esteri, pensione inclusa. Questo regime fiscale sarà in vigore per cinque anni dal momento che si trasferisce la propria residenza. Le regioni interessate sono l’Abruzzo, il Molise, la Campania, la Basilicata, la Puglia, la Calabria, la Sicilia e la Sardegna.