Crowdfunding per finanziare le cure mediche

di Daniele Pace Commenta


Due giovani italiani qualche settimana fa, Calogero e Lorenzo, affetti da una forma di tumore del sangue non curabile con le terapie a disposizione nel nostro paese, sono ricorsi al crowdfunding, per potersi finanziare dei trattamenti più innovativi che sono accessibili solo nel Stati Uniti.

Nuove idee avanzano

Elisa Liberatori Finocchiaro, Senior Regional Manager per Sud Europa di GoFoundMe ha rilasciato di recente un’intervista al Corriere.
La manager si occupa della gestione della piattaforma e delle storie citate oltre che al caso unico, per quanto riguarda il panorama del crowdfunding, a vocazione sociale con la missione che prende il nome di Empower People To The Help Other People.

Elisa lo scorso anno è stata Country Director di Change.org fino ad arrivare in GoFoundME per seguire lo sbarco sul mercato del nostro paese.

La ragazza ha dichiarato che la crescita che si è evidenziata nel sud dell’Europa, in particolare in Italia è positiva, infatti da quando la piattaforma è arrivata sul nostro territorio, sottolinea, sono stati raccolti 4 milioni di euro.

Due milioni fino a dicembre 2018 e gli altri due solo in questi pochi mesi del 2019. Il dato secondo la manager più interessante è che dei 4 milioni ricavati, più della metà sono stati raccolti per le cure mediche.