Cosa fare prima di chiedere un prestito

di Gianfilippo Verbani Commenta


Il mondo del credito al consumo è oggi un mondo alla portata di tutti, molto più vicino ai consumatori rispetto al passato. E’ possibile richiedere un piccolo prestito o un finanziamento praticamente per la maggior parte delle esigenze di tutti i giorni. Prima di sottoscrivere un prestito è però opportuno ricordare quali sono le informazioni di base che il consumatore deve tenere a mente. 

Che cos’è il prestito fiduciario

Il consumatore deve infatti essere attento a tutte le condizioni che verranno praticate nell’operazione di prestito e soprattutto eseguire le seguenti operazioni preliminari.

I prestiti per protestati e cattivi pagatori

Cosa fare prima di chiedere un prestito

Prima di chiedere un prestito è sempre opportuno pensare a:

  • informarsi in via preventiva sugli oneri e sulle spese che il prestito comporta
  • venire a conoscenza del tasso di interesse praticato dagli intermediari
  • conoscere le garanzie pretese, sia quelle personali che quelle cambiarie
  • confrontare le altre offerte presenti sul mercato tenendo conto sia dei parametri tecnici, quali il TAN e il TAEG – il tasso Annuo effettivo globale, che riassume tutti i costi del prestito, sia altre variabili connesse con l’erogazione, come la velocità di somministrazione, la facilità di contatto, la serietà e l’affidabilità dell’azienda, la semplicità di informazione
  • fare caso al fatto che tutte le condizioni sia espresse in maniera trasparente secondo la normativa vigente e che nel prestito non siano applicati tassi superiori a quelli richiesti o pubblicizzati
  • pretendere che il contratto relativo al credito al consumo sia scritto e contenga tutti gli elementi necessari.