Conto deposito Che Banca – condizioni marzo 2013

di Gianfilippo Verbani Commenta

Il conto deposito Che Banca è certamente uno dei rapporti di deposito ad alto tasso di remunerazione più interessanti sul panorama italiano. Con rendimenti di gran lunga superiori a quelli offerti da altre forme “tradizionali” di risparmio, il conto deposito rinnova la propria convenienza anche nel mese di marzo 2013. Vediamo allora quali sono gli attuali tassi di interesse previsti, e le condizioni di vantaggio riservate alla clientela.

Per quanto concerne i tassi applicati, a marzo il tasso base (cioè, per depositi non vincolati) è pari all’1,00%. È possibile tuttavia scegliere di vincolare tali somme, potendo così ottenere un premio aggiuntivo se si sceglie di rinunciare alla libera disponibilità del denaro versato nel breve periodo di tempo oggetto del vincolo stesso. In queste ipotesi, il tasso di interesse sale all’1,75% per i vincoli a tre mesi, al 2,25% per i vincoli a 6 mesi e al 2,75% per i vincoli a 12 mesi (vedi anche Conto Invest da Sparkasse).

Stabilito quanto sopra, ricordiamo altresì che rimangono invariati tutti gli “storici” vantaggi di questo prodotto. Pertanto, il cliente potrà sapere in maniera molto trasparente quali sono gli interessi generati dalla propria operazione di deposito grazie a un comodo calcolatore preventivo, e potrà godere immediatamente degli interessi grazie alla possibilità di ricevere in anticipo il loro importo (da poter spendere, o reinvestire).

È inoltre possibile trasferire i propri soldi solamente sui conti correnti collegati. Con l’adesione di CheBanca – gruppo Mediobanca – al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, il cliente sarà sempre assicurato fino a un massimo di 100 mila euro. Infine, tra le tante opzioni di flessibilità, segnaliamo la possibilità di versare mensilmente una quota del proprio stipendio sul conto deposito, per poter far crescere il proprio risparmio (vedi anche Conto base da Deutsche Bank).

Maggiori informazioni sul prodotto possono essere ottenute in tutte le filiali della banca o sul sito internet chebanca.it.