Conto corrente giovani: cosa fare prima di qualsiasi decisione

di Gianfilippo Verbani Commenta

In materia di conti correnti per i giovani le consulenze fornite dalle banche sono troppo brevi, così come l’accessibilità alla documentazione lascia a desiderare. Queste, in sintesi, sono le risultanze di un’indagine sul campo effettuata dal CTCU, il Centro Tutela Consumatori Utenti, che nei mesi scorsi si è avvalsa della collaborazione di uno studente della scuola superiore. Lo studente ha visitato cinque banche dell’Alto Adige chiedendo informazioni sui conti correnti dedicati ai giovani e rilevando in certi casi anche delle difformità tra quanto detto a voce dal dipendente bancario e quanto invece scritto nel contratto. Di conseguenza, anche per i conti correnti di questa tipologia, il Centro ha apertamente invitato i giovani ad apporre le firme solo dover aver acquisito e letto attentamente sia il contratto, sia i cosiddetti fogli informativi sintetici.

Dall’indagine sul campo è tra l’altro emersa la scarsa voglia di dedicare del tempo in filiale al giovane che richiede l’apertura di un conto corrente, con la conseguenza che le informazioni fornite non sono approfondite e, quindi, si rischia di andare magari a sottoscrivere un prodotto non in linea con le esigenze dello studente. Ci sono stati anche casi in cui il prodotto descritto sembrava essere “perfetto”, ideato quasi appositamente per i bisogni del potenziale correntista, ma poi, verificando a casa le condizioni, nel momento in cui sono state lette attentamente, queste in realtà andavano a disegnare e descrivere un quadro diverso.

L’indagine del CTCU sui conti correnti per i giovani è stata in prevalenza concentrata sui fattori chiave e sulle potenziali criticità, in termini di costi da sostenere, associate ad un conto corrente: dalla disponibilità o meno, costi compresi, di una carta Bancomat e/o di una carta di credito alla documentazione contrattuale ed al documento di sintesi. Ma sono stati analizzati anche i costi di apertura, se previsti, e quelli di gestione, unitamente al costo dei fidi e degli sconfinamenti, alle coperture assicurative ed agli altri vantaggi connessi all’utilizzo del conto corrente.