Le caratteristiche delle polizze di protezione del credito – CPI

di Sofia Martini Commenta

Soldi-150x150Quando si richiede ad una banca o ad un altro istituto di credito un prestito personale, o quando si richiede un finanziamento per l’acquisto di beni e servizi ad una società finanziaria è possibile sentir parlare anche delle cosiddette polizze assicurative di protezione del credito, cioè delle polizze CPI.

La sigla CPI sta infatti per Credit Protection Insurance e contraddistingue tutti quei prodotti assicurativi che hanno lo scopo di tutelare e garantire altri prodotti finanziari, o, più esattamente il credito che è stato concesso dall’intermediario in questione e, se vogliamo, guardando la situazione dalla parte opposta, la capacità del cliente di onorare il debito contratto.

Assicurare il conto corrente conviene?

In questo post vedremo meglio quali sono le loro caratteristiche.

Le caratteristiche delle polizze di protezione del credito – CPI

Le polizze assicurative di protezione del credito sono dunque degli strumenti assicurativi la cui sottoscrizione è del tutto facoltativa per i clienti che sottoscrivono un prestito personale o un finanziamento, e il cui scopo è quello di intervenire a saldare il debito dell’assicurato, ovvero di pagare le rate e gli altri importi in scadenza, qualora l’assicurato stesso sia impossibilitato a farlo.

> Quanto conviene assicurare un prestito personale

Queste polizze, infatti, entrano in funzione solo nel caso in cui si verifichino delle particolari situazioni impreviste o cause di forza maggiore come:

  • gravi eventi
  • impresti
  • malattie
  • perdita del lavoro.

In tutti questi casi la polizza CPI interviene a pagare il debito dell’assicurato, indennizzandolo. Il funzionamento di queste polizze a protezione del credito è molto semplice perché non prevedono dei costi a parte, ma il premio viene incluso all’interno degli importi del finanziamento stesso.