Telecom Italia: utile 2009 in calo, dividendo 2010 confermato

di Gianfilippo Verbani Commenta

Cattive notizie per Telecom Italia, non così malvagie per i suoi azionisti. Il gruppo ha chiuso infatti il 2009 con un utile netto in calo di 596 milioni a 1,58 miliardi di euro. Non un taglio da poco: si tratta infatti, approssimativamente, del 25% rispetto all’anno precedente. Ciononostante, nella stessa nota il cda ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 5 centesimi per le azioni ordinarie e di 6,1 centesimi per le azioni risparmio, dunque un dividendo 2010 rispetto all’anno scorso. L’amministratore delegato Franco Bernabè ha tenuto comunque a precisare, quasi a voler gettare acqua sul fuoco, che i risultati sono giudicati “molto soddisfacenti”: Telecom Italia, afferma, ha raggiunto gli obiettivi di margine operativo lordo e debito per il 2009 “grazie a un incisivo controllo dei costi e a un continuo recupero di efficienza” che confermano “l’efficacia della strategia e ci consentono di remunerare gli azionisti con un monte dividendi di circa 1 miliardo di euro“.

Non solo: le prospettiva per gli azionisti di Telecom Italia sono ancora più rosee in ottica 2011: il dividendo, infatti, dovrebbe tornare a crescere a partire dal prossimo anno. “La strategia per il prossimo triennio – dice l’ad di Telecom -, l’obiettivo di crescita del free cash flow, insieme alla ripresa dei ricavi e la riduzione dei costi” permetteranno a Telecom di raggiungere l’obiettivo di riduzione del debito a meno di 28 miliardi nel 2012, “e questo ci darà la flessibilità necessaria per aumentare il dividendo già dal prossimo anno”.

Una flessibilità che passa anche per il taglio della forza lavoro, ridotta del 10% in meno di due anni. “E ci saranno ulteriori riduzioni – annuncia Bernabè, senza fare numeri o citando nuovi esuberi -. Lo facciamo per essere competitivi: vogliamo essere sempre più snelli per trasferire questa efficienza a tutti i nostri stakeholder”.