Richiedere un prestito personale alle Poste

di Gianfilippo Verbani 1

Il prestito personale delle Poste Italiane rappresenta una delle tante possibilità a disposizione degli utenti di servizi finanziari italiani, per poter soddisfare le proprie esigenze di spesa attraverso un prodotto creditizio semplice, dalle condizioni di onerosità predeterminate, e rimborsabile gradualmente nel corso di un medio lungo periodo, in perfetta compatibilità con la propria disponibilità monetaria e la propria situazione reddituale e lavorativa.

Il finanziamento potrà infatti supportare operazioni di spesa e di acquisto di beni e di servizi fino alla concorrenza massima di 30 mila euro (con un minimo di 1.500 euro), con un piano di ammortamento compreso tra un minimo di 12 mesi e un massimo di 84 mesi; il cliente di Poste Italiane potrà optare per una scadenza intermedia, e potrà in qualsiasi momento procedere all’estinzione anticipata del debito residuo.

Il tasso di interesse applicato al capitale oggetto di prestito sarà fisso per l’intera durata della transazione di natura finanziaria. Come ovvio, ciò determinerà la presenza di un programma di rimborso composto da rate di importo certo e costante nel tempo, che non subiranno alcuna variazione anche in caso di forti oscillazioni dei tassi di interesse in vigore nei mercati finanziari.

Altre caratteristiche comuni del servizio finanziario di Poste Italiane sono infine l’assoluta assenza di spese di istruttoria, di commissioni di gestione e di incasso rata, e di produzione e invio delle comunicazioni. L’erogazione avverrà con accredito su conto BancoPosta, dal quale verranno addebitate le rate con periodicità mensile. Possibile accompagnare il prestito personale con una polizza assicurativa facoltativa dal costo proporzionale.

In tutte le filiali dell’istituto di credito, e sul sito internet della banca, sono a disposizione i fogli informativi di prodotto, con maggiori dettagli sulle condizioni applicate. Vi consigliamo di consultarli prima di sottoscrivere il servizio oggetto di questo post.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.