L’evoluzione dei pagamenti digitali nel 2015 e oltre

di Gianfilippo Verbani Commenta

Sempre più persone fanno uso nel nostro paese degli smartphone e dei pagamenti digitali e la tecnologia propone nuove forme e modalità per usufruire di essi.


Anche il 2015 probabilmente si confermerà un anno d’oro per il mercato dei pagamenti digitali. Sempre più persone, infatti, ne fanno uso nel nostro paese e la tecnologia propone nuove forme e modalità per usufruire di essi. Parlare di pagamenti digitali al giorno d’oggi, infatti, significa anche prendere in considerazione un universo abbastanza vasto di azioni che gli utenti di internet possono fare al pari dei possessori delle carte di credito. 

CheBanca lancia una nuova app per i pagamenti digitali

All’interno del mondo dei pagamenti digitali si deve ormai distinguere tra l’old digital, costituito da tutti i pagamenti che si possono effettuare con una carta di credito e il new digital, ovvero tutto il complesso delle funzioni bancarie e commerciali che si possono svolgere online, come il pagamento di ricariche e bollette, l’acquisto di prodotti, servizi e contenuti digitali, l’acquisto di ricariche, bollette e servizi di trasporto, l’acquisto di beni e servizi da App o Mobile, il pagamento di ricariche e bollette e di servizi di trasporto via smartphone e Contactless.

I pagamenti digitali crescono anche in Italia nel 2014

E pensare che il nostro paese è ancora uno dei paesi europei in cui vengono utilizzati maggiormente i contanti. Ma gli esperti di settore ritengono che questa supremazia dovrà presto cedere il passo alla tecnologia. Il mercato del commercio via internet o meglio di quello via smartphone è destinato a crescere in futuro di circa un 40 per cento l’anno. Gli italiani stanno quindi cambiando atteggiamento nei confronti del mobile e i dati sono destinati a crescere in futuro.