FMI: Economia in ripresa, Belgio e Italia non preoccupano

di Gianfilippo Verbani 1

Dopo aver dato notizia, preoccupati, delle difficoltà irlandesi, annotando che probabilmente avrebbero fatto seguito cattive notizie anche da Portogallo e Spagna, ecco che finalmente giunge una nuova pronta a rasserenare i mercati e -speriamo- rimettere il turbo a listini mai così depressi come in queste ultime settimane. Il Fondo Monetario Internazionale, vigile controllore di tutto quanto sta accadendo alle economie mondiali (ancor più vigile in questi ultimi due anni, contrassegnati da una dolorosa crisi economica), ha infatti emesso delle stime di crescita lusinghiere per l’Europa, e smorzato i toni di chi vedeva Belgio e Italia pronti ad accodarsi alla Grecia e a chi la sta seguendo sulla strada del commissariamento economico per extra-deficit.

Tra ieri ed oggi, importanti riunioni per Eurogruppo ed Ecofin: Bruxelles è pronta a garantire ulteriori risorse al fondo anti-crisi che dovrebbe entrare in funzione dal 2013. In attesa di quel giorno, il numero uno del FMI, Dominuque Strauss-Kahn, ha assicurato: “la crescita in Europa è più forte del previsto, pur rimanendo debole e ancora lontana dai livelli necessari per combattere la disoccupazione”. A trainare la ripresa è la Germania, che secondo le stime sarebbe cresciuta del 3,6% in questo anno.

Buone nuove anche dal Belgio, uno dei Paesi considerati più a rischio eppure che “Per il momento non ha problemi”, come rivelato dal ministro delle finanze Didier Reynders. “Non solo siamo in linea con l’evoluzione tedesca, ma in Belgio beneficiamo di un livello molto corretto di deficit, tale da poter definire buona la nostra posizione”. Belgio fuori dalla lista dei Paesi più a rischio, dunque, ma anche l’Italia sembra nelle condizioni di potersela cavare. Secondo il consigliere delegato di Intesa-SanPaolo, Corrado Passera, il nostro è un Paese “Solido e resistente, in nessun modo paragonabile a Irlanda e Portogallo”. Analisi, tutte queste, buone per rilanciare la fiducia degli investitori.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.