CreditExpress di UniCredit, il prestito a TAN 5,95%

di Gianni Puglisi 1


Cominciamo dalla fine, ovverosia dall’invito che siamo soliti farvi dopo aver descritto qualche possibile forma di finanziamento personale: con il credito non si scherza, non è qualcosa rispetto cui si può dire “Mi faccio fare il finanziamento così poi pago il tutto in rate e mi viene tutto più comodo” perché quando si pensa in questo modo spesso non si è portati a tenere conto di una cosa che fa la differenza tra il prestito e la spesa più tradizionale: la seconda non soggiace, cosa che invece succede al primo, al carico degli interessi che vi maturano sopra. Il che significa che esiste una grossa differenza tra (poniamo, come esempio) un tv color acquistato a 1.990 euro e un altro venduto allo stesso prezzo ma con l’apertura di un finanziamento, che al suddetto valore aggiunge un carico (da valutare a seconda delle situazioni) che vi porterà a sfondare con molta facilità il tetto dei 2mila euro.

Preso atto del fatto che però un prestito vi potrebbe servire, magari per far fronte a spese impreviste ed irrinunciabili per garantire un sereno prosieguo dell’esistenza del vostro nucleo familiare, provate a pensare alla soluzione offerta da UniCredit con CreditExpress, un finanziamento che in promozione fino al 28 febbraio vi garantisce un TAN al 5,95% (ma non esistate a chiedere il TAEG in filiale: è quella la vera misura degli interessi che andrete a pagare) per avere 3.500 euro da rimborsare in 18 rate.

CreditExpress ha una rata predefinita, un periodo di durata (ricordato sopra) certo ed un tasso che comunque possiamo definire conveniente rispetto ad altre proposte paragonabili (tenete conto che in media l’importo più basso porta alla crescita delll’interesse, e viceversa). Se avete in cantiere un acquisto speciale, se i soldi non vi bastano per le spese mensili o se solamente volete avere la sicurezza che solo un po’ di liquidità aggiuntiva può offrirvi, CreditExpress di UniCredit può essere un’opportunità che è bene tenere in considerazione. A queste condizioni, solo fino al 28 febbraio.


Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.