Carrefour presenta Pass MasterCard: carta di credito e carta fedeltà

di Gianni Puglisi Commenta


 Il settore dei servizi finanziari vive una fase di concorrenza spietata tra i brand più disparati: se fino a qualche anno addietro, infatti, c’erano solo le banche a contendersi la torta, oggi nuovi soggetti si stanno avventando su questo mercato nell’intento di diversificare le proprie voci d’entrata. Tra i marchi che non t’aspetti, ecco farsi strada le grandi catene di supermercati: da un lato, il desiderio di questi soggetti di legare a sé la clientela, offrendo servizi che garantiscono – tra le altre cose – sconti sugli acquisti che altrove non si potrebbero ottenere; dall’altro, la possibilità di fare leva sull’abitudinarietà del consumatore.
Sono questi i punti di forza dai quali è partito, ad esempio, il gruppo Carrefour, che ha approntato una serie di carte servizi che vanno sotto il nome di “Pass”. I supermercati del marchio francese (almeno i più grandi), come vere e proprie banche, hanno cominciato ad allestire piccoli box nella zona delle casse, dove alcuni addetti vendono il prodotto finanziario della catena. E’ così che si chiede al consumatore di farsi risparmiatore (in fondo, il confine è molto sottile). Per contro, gli si offre un “Benvenuto con 30 €uro di buoni spesa”, e il gioco è fatto: il cliente incuriosito dalla novità è divenuto potenziale sottoscrittore di una carta Pass MasterCard!

“Tutti i vantaggi di una Carta Fedeltà, i servizi Pass (raccolta punti, offerte, casse “dedicate” nei punti vendita) e le caratteristiche di una carta di credito internazionale”. Questo è quanto offre la brochure informativa. In più, la flessibilità delle soluzioni di pagamento. Già, perché Pass MasterCard è sia carta revolving che tessera che consente il pagamento “a saldo”: nella sua prima configurazione (la scelta si compie all’atto della sottoscrizione), Carrefour mette a disposizione un fido di 2mila €uro per le spese, che si rimborsano in rate a partire dal mese successivo; la seconda modalità, invece, funziona con l’addebito su conto corrente dell’importo degli acquisti il mese successivo rispetto all’effettuazione degli stessi. Non c’è che dire: per Carrefour, un ingresso in grande stile nel settore del credito.