Bonus Natale: come funziona il cashback per chi paga usando le carte

di Daniele Pace Commenta

Nel corso degli ultimi giorni si sta parlando sempre più di frequente del bonus bancomat. Si tratta di una misura che dovrebbe prendere piede già a partire dal prossimo mese di dicembre e che porterà i cittadini a puntare a un rimborso pari al 10% su tutti quegli acquisti che sono stati portati a termine in negozio usando uno strumento che possa essere oggetto di tracciamento, ovvero carte oppure applicazioni specifiche. I prodotti e i servizi acquistati direttamente online, di conseguenza, non potranno essere conteggiati nel computo complessivo.

Bonus Natale: ecco come dovrebbe funzionare

La somma massima che si può ricevere come rimborso è pari a 300 euro annui di spesa, che vengono calcolati, così come liquidati, sempre e comunque ogni sei mesi. Quindi, su base semestrale, si tratta di 150 euro.

L’esecutivo, però, sta operando anche per lanciare una misura che possa servire come vero e proprio potenziamento di questa misura vantaggiosa. Tale novità è stata ben presto ribattezzata Bonus Natale, semplicemente perché dovrebbe avere la garanzia che già alla fine del mese di dicembre verrà effettuato il rimborso, pari al 10%, sulle spese che sono state sostenute nel corso delle festività natalizie.

Si tratta di un’ulteriore misura che va ad aggiungersi a quelle che erano già state messe in atto e che potrebbero fruttare ai cittadini una somma complessivamente pari a 3450 euro, comprendendo anche il bonus cashback di Natale, così come quello normale e, infine, il superbonus da ben 3000 euro per i 100mila cittadini che portano a termine il più elevato numero di transazioni economiche.

Il bonus Natale dovrebbe essere pari al 10% delle spese che sono state portate a termine. Quando? Nel corso, a quanto pare, dell’intero mese di dicembre, fino ad arrivare a una somma massima pari a 150 euro, il cui accredito sul c/c del beneficiario avverrebbe già al termine dello stesso mese di dicembre. In poche parole, si può paragonare a un anticipo sulla misura che prenderà il via nel 2021 e che porterà in dote un rimborso pari al 10% sulle spese sostenute mediante uno dei vari strumenti digitali o con carta di credito o di debito.