Crescono potere d’acquisto e risparmi degli italiani

di Sofia Martini Commenta

Le famiglie possono leggere finalmente una buona notizia che riguarda il loro reddito, la loro ricchezza e la serenità per un futuro senza affanni. I dati dell’Istat parlano infatti di un aumento del potere d’acquisto delle famiglie e di un miglioramento della propensione al risparmio degli italiani

Il punto di partenza sono i dati sui conti riferiti al secondo trimestre 2016. Secondo queste informazioni, rispetto al trimestre precedente, le famiglie hanno visto crescere il loro reddito disponibile dell’1,3 per cento. Anche i consumi sono cresciuti ma lievemente facendo registrare un +0,2%.

1069_risparmio_conti_correnti

Il dato più interessante riguarda però il confronto con il periodo che ha preceduto la grande crisi del 2007. In pratica rispetto ad allora si avverte un miglioramento dei fondamentali, i consumi vanno tenuti d’occhio ma sono aumentati lievemente e soprattutto c’è stato un miglioramento superiore alle attese del mercato del lavoro. Il risultato tangibile di questa situazione è nel recupero del reddito disponibile nominale.

Si arriva velocemente all’aumento del risparmio che ha come risvolto negativo la contrazione dei consumi. Questi rappresentano il 60% del PIL e testimoniano che il nostro Paese ha subito l’ennesima battuta d’arresto. Qual è allora il prodotto creditizio che potrebbe andare per la maggiore nel futuro prossimo?

Il libretto di risparmio è un’opportunità ma anche gli investimenti in cui i rischi sono contenuti e c’è la possibilità di avere un rendimento costante, saranno molto richiesti. Tra gli ultimi prodotti che abbiamo recensito e possono tornare utili ci sono Borsa Protetta Arancio di Ing Direct e anche Armonia 2.0 Argento che è un conto corrente pensato per piccoli patrimoni.