Conto BancoPosta Più: nuovi tassi dall’1 settembre 2011

di Fil 1

Tutti i titolari del conto corrente Conto BancoPosta Più, a partire dall’1 settembre del 2011, potranno fruire di un esclusivo vantaggio, nel rispetto delle condizioni previste; il vantaggio, nello specifico, è dato dalla remunerazione delle giacenze in conto ad un tasso d’interesse creditore lordo annuo dell’1% se ad ogni chiusura d’anno sul conto corrente sarà stata accreditata la pensione o lo stipendio a fronte dell’attivazione di carta BancoPosta Più, e della domiciliazione delle utenze. Il tasso lordo, quindi, quadruplica rispetto all’attuale tasso offerto allo 0,25%; per quel che riguarda i costi ricordiamo che con il Conto BancoPosta Più la quota annua della carta di credito BancoPosta Più è pari a 30,99 euro; mentre la quota annua della Carta Postamat è di 10 euro. Le spese di tenuta conto annue sono quelle classiche e pari a 30,99 euro nei dodici mesi.

Pur tuttavia, a fronte dei costi sopra indicati, se si decide di accreditare lo stipendio o la pensione, domiciliare le bollette, ed attivare Carta BancoPosta Più, allora il titolare potrà avere il Conto BancoPosta Più, nel rispetto delle condizioni, insieme alla Carta Postamat ed alla Carta BancoPosta Più,  a soli 30,99 euro l’anno. In più ci sono tutti i classici vantaggi del Conto BancoPosta Più: dall’estratto conto semestrale cartaceo gratis, al libretto degli assegni gratis, e passando per zero costi di apertura e di chiusura del Conto, domiciliazione gratuita delle utenze, e deposito titoli a massimi 30 euro l’anno. Per quel che riguarda l’estratto conto, inoltre, ricordiamo che questo, online, con il Conto BancoPosta Più è sempre gratuito ed a cadenza mensile.

I fogli informativi del Conto BancoPosta Più, unitamente alla promozione in corso, ma anche degli strumenti di pagamento, sono reperibili in formato cartaceo presso gli Uffici di Poste Italiane, sparsi in tutta Italia, ma si possono anche visionare e scaricare dal sito Internet Posteitaliane.it.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.