Pace Fiscale: il punto da parte dell’Agenzia delle Entrate

di Daniele Pace Commenta

L’Agenzia delle Entrare a pubblicato i dati relativi alla Pace Fiscale, con circa 13 milioni di cartelle coinvolte e 1,7 milioni di domande. Il valore totale delle richieste supera i 38 miliardi di euro. Si tratta di un successo per il Governo, che spera di incassare il tutto in breve tempo per aiutare anche i conti pubblici, in difficoltà dopo la richiesta di procedura per infrazione da parte della Ue.

I dati

L’Agenzia delle Entrate sta valutando 12,9 milioni cartelle fiscali, che fanno parte delle domande presentate entro il 30 aprile scorso. A parlarne è stato Antonino Maggiore, direttore generale, ascoltato in commissione Finanze del Senato. Il successo è stato così grande che le Commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno approvato un emendamento per riaprire i termini di presentazione delle richieste.
Secondo il direttore, il gettito sarà di quasi 28 miliardi. Infatti, 8,7 miliardi di euro sono il valore del ‘saldo e stralcio’ che porterà ad un gettito di 6,5 miliardi, e 29,5 miliardi sono il valore della ‘rottamazione ter’, che porterà nelle casse dello Stato circa 21,1 miliardi.

Questi calcoli sono basati sullo “sconto fiscale” applicato, che va dal 16 al 35% per il saldo e stralcio delle cartelle, mentre più complicato è prevedere quanto si incasserà dalla rottamazione ter. Qui molto dipende dalle disponibilità dei contribuenti, in un periodo economico difficile per l’Italia.