Mancato pagamento rate finanziamento

di Gianfilippo Verbani Commenta

In tempi di crisi economica i portafogli si riducono rapidamente, e finire con il pagare in ritardo le rate del proprio prestito personale o del proprio mutuo diventa tutt’altro che una rarità. Ma sappiamo esattamente a cosa andiamo incontro se non riusciamo a pagare le rate del finanziamento personale o immobiliare? Quali sono le conseguenze in caso di morosità? Cerchiamo di fare chiarezza in uno dei temi maggiormente richiesti dai nostri lettori, evidentemente alle prese con le difficoltà monetarie indotte da questa ondata di crisi.

Innanzitutto, il mancato pagamento delle rate di un finanziamento comporta delle conseguenze in termini di Centrale Rischi. Ovvero, pagando in ritardo una rata, si finisce con l’esser segnalati come pagatori morosi nella centrale rischi di riferimento. Un avvenimento che potrebbe essere notevolmente sgradito, soprattutto nell’ipotesi in cui si debba poi ricorrere a un nuovo finanziamento: considerato che la centrale rischi è indagata in sede di istruttoria di ogni domanda di nuovo credito, la morosità sui pagamenti potrebbe equivalere ad essere tagliati fuori dalle speranze di ottenimento del credito.

Da un punto di vista più concreto, il mancato pagamento delle rate di finanziamento corrisponderà ad esser interessati dalla propria banca o finanziaria, che dapprima per le vie brevi, e successivamente in maniera più formale, intimerà il pagamento delle rate in arretrato. Se le morosità dovessero diventare numerose, è probabile che l’istituto creditore possa suggerire qualche forma di rinegoziazione o, più negativamente, indurre alla vendita del credito ad una società di factoring (qui il nostro speciale: Cattivi pagatori e protestati).

Attenzione, infine, alla posizione dei garanti. Se infatti il prestito personale è accompagnato da una fideiussone, è probabile che dopo qualche rata in morosità, la banca possa procedere a contattare il garante, richiedendo a lui – in qualità di obbligato in solido – il pagamento di quanto in arretrato. Si tenga in aggiunta conto che la morosità di un credito può in alcuni casi portare al recesso anticipato dal finanziamento.