Le caratteristiche e il funzionamento dell’app WOW di Che Banca!

di Gianfilippo Verbani Commenta

La nuova app proposta da Che Banca non replica l'offerta esistente, ma permette di gestire contemporaneamente anche altri strumenti di pagamento, come ad esempio quelli non inclusi nelle funzioni del conto corrente della banca.


Recentemente ha suscitato enorme successo nel mondo bancario digitale la nuova app per i pagamenti online lanciata dal gruppo Che Banca!, che si distingue dalle altre fino ad oggi presenti sul mercato per alcune su caratteristiche peculiari. 

Si tratta dell’ applicazione per cellulari e smartphone WoW, che sta per Wallet of Wallets, “il portafoglio dei portafogli”, una app che consente di eseguire tutti i pagamenti elettronici in mobilità,

CheBanca lancia una nuova app per i pagamenti digitali

Solo nella prima settimana di lancio, questa app dedicata ha riscosso un grande successo tra i correntisti della banca, tanto da realizzare circa 16 mila download nelle prime tre settimane di attività.  La grande novità di questa app consiste poi nel poter essere utilizzata anche dai clienti esterni che hanno una carta di credito Visa o Mastercard oppure un semplice conto corrente Pay Pal. Si tratta quindi di un borsellino elettronico da utilizzare per avere un unico strumento al fine di gestirne tanti.

Possibile prelievo forzoso sui conti correnti europei?

La nuova app proposta da Che Banca, dunque, non replica l’ offerta esistente, ma permette di gestire contemporaneamente anche altri strumenti di pagamento, come ad esempio quelli non inclusi nelle funzioni del conto corrente della banca.

Per il futuro, inoltre, gli sviluppatori della applicazione hanno pensato ad una ulteriore innovazione, che permetta di sfruttare la tecnologia Nfc, che consente di effettuare pagamenti direttamente con il credito della Sim, o meglio di collegare a quest’ ultima la disponibilità della propria carta di credito.

L’ app di Che Banca! si è presentata infine come un prodotto molto social, in quanto è stata lanciata attraverso un contest che ha visto il coinvolgimento delle community online.