Assicurare una parte del proprio corpo

di Daniele Pace Commenta

assicurazioneAnche se può sembrare una follia, in realtà sono in crescita i clienti che stipulano contratti assicurativi su determinate parti del loro corpo.
C’è chi vuole farsi una polizza per le gambe, c’è chi per il naso, oppure per i polsi, basta recarsi alla propria compagnia e farsi fare un preventivo.

Perché farla

Ogni singola parte del corpo umano ha il suo valore, ovvero un prezzo. Oggi si ha la tendenza di assicurare braccia, naso, gambe e così via, come se fosse una vera e propria moda, solo con motivazioni vere e reali.

Pensiamo solo per un istante a come potrebbe lavorare un produttore di profumi senza il proprio naso, oppure un calciatore senza il suo ginocchio, ma anche una ballerina senza gambe e caviglie. Un grave infortunio potrebbe mettere fine ad una carriera miliardaria. Ecco quindi il motivo di assicurare la parte del corpo con la quale “si lavora”.

Sono tantissime le parte del corpo che giustamente alcuni professionisti tendono ad assicurare in base al proprio stile di vitae soprattutto al tipo di professione che svolgono.

La prima in assoluto a stipulare un contratto assicurativo per la prima volta fu una pin-up degli anni 40, ovvero la famosissima Betty Grable, modella ed attrice più pagata al mondo.
Le sue foto infatti fecero in pochissimo tempo il giro del mondo, diventando così una sexy icona, grazie specialmente alle sue gambe.